giovedì 17 novembre 2011

Pubblica disinformazione sull'economia

Sono un po 'confuso (o forse non sono io!) su ciò che il TG1 (la più importante emittente pubblica italiana) ha riferito oggi. Infatti, il corrispondente dalla Borsa di Parigi ha affermato che ( link qui in italiano , vedi min.17.00) "lo spread tra l'Oat 10 anni e Bund ha raggiunto un picco di 200 punti base, in tal modo la Francia prende in prestito a tassi di interesse doppi rispetto alla Germania ". Secondo il corrispondente, lo spread è un moltiplicatore piuttosto che una differenza sui tassi di interesse! In questo modo, se il rendimento Bund è 1,5%, il rendimento dell'Oat dovrebbe essere del 3%.
Mentre sto scrivendo, il rendimento del Bund è 1,82% e lo spread con l'Oat è di 190 bp ( fonte: Financial Times ). Di conseguenza, il rendimento dell'Oat è 1,82% +1,9% = 3,72%. Secondo il giornalista, il rendimento dell'Oat dovrebbe essere 1,82% * 1,9% = 3,46%. Per rendere le cose più semplici, supponiamo che lo spread è 200bp (o 2,0%), come riportato dal giornalista. Se il Bund rende il 1,8% il rendimento dell'Oat è 1,80% +2,0% = 3,80% che è più del doppio. Al contrario, secondo il corrispondente l'Oat dovrebbe rendere 1.80%*2.0%=3.60%! L'unico modo per il giornalista di avere ragione, è lo scenario in cui il rendimento del Bund 2,0% in modo che l'Oat renda il 4,0%.
In conclusione, mi aspetto il TG1 di fornire notizie in modo corretto per evitare di confondere il pubblico!

mercoledì 16 novembre 2011

Public Disinformation Service about Economics

I'm a bit confused (or  maybe It's not me!) about what the TG1 (the most important italian public broadcaster) reported today. Indeed, the correspondent from the Paris stock exchange claimed that (link here in italian, see min.17.00) "the spread between the 10 years Oat and Bund peaked at 200 basis points, thus France borrows at two-fold higher interest rates than Germany". According to the correspondent, the spread is a multiplier rather than a difference on interest rates! In this way, if the Bund yield is 1.5% then the Oat yield should be 3%.
While I'm writing, the Bund yields 1.82% and the spread to the Oat is 190 bp (source: Financial Times). As a result, the Oat yields 1.82%+1.9%=3.72%. According to the journalist, the OAT yield should be 1.82%*1.9%=3.46%. In order to make things simpler, let's assume that the spread is 200bp (or 2.0%) as reported by the journalist. If the Bund yields 1.8% the Oat yields 1.80%+2.0%=3.80% that is more than two-fold. Conversely, according to the correspondent the Oat should yield 1.80%*2.0%=3.60%! The only way for the journalist to be right, is the scenario in which the Bund yields 2.0% so that the Oat yields 4.0%.
In conclusion, I really expect the TG1 to provide news properly in order to avoid to confuse the audience!

sabato 12 novembre 2011

Quick note on Italian stagnation

This chart published by The Economist in an article about Italy's economy (source: IMF World Economic Outlook) supports what I wrote in this post. GDP per person actually declined in Italy between 2001 and 2011. As a result, the lack of growth is the main issue of Italy triggering fiscal troubles and debt woes. Thus, Italy needs reforms and a fiscal policy able to boost the economy. I see Mario Monti as the first step on this virtuous path.

martedì 8 novembre 2011

Italians, let's buy BTPs!!! (Foolish)

The debate about our national debt crisis is evolving on an everworrying path. Giuliano Melani, an enterpreneur, launched an appeal to all italians to buy government bonds. Paolo Manasse, Professor of Economics at University of Bologna, demonstrates the foolishness of such appeal on his blog. Further, Mr. Melani reinforced his thesis this morning claiming that TAX EVADERS should purchase BTPs.....WHAAAAAAAT? I'm really astonished! Is this the proper solution to the high debt burden? Meanwhile, yields on italian bonds are soaring , the BTP-Bund spread is widening...

sabato 5 novembre 2011

Do you believe in economic fairy tales???

For years, the italian Finance Minister Giulio Tremonti and the italian Government told us an awesome tale about our public finances. The chart below, published by Bloomberg clearly supports who argue that the reality differs widely from the tale.
As Paolo Manasse, professor of Economics at University of Bologna, reportes on his blog (I strongly recommend it), the public debt remarkably increased under Berlusconi Governments. In addition, according to prof. Manasse  the debt surge is due to both the recession and the Government's choices (ie. increasing public spending and scrapping the property tax).

So, a big question comes to my mind and is puzzling me: why did the Government claims that Italy is a strong economy, with a high private wealth and stable public finances? Indeed, investors don't believe in this tale anymore and yields on italian bonds skyrocketed, worsening the public finances leading to a vicious cycle. The lack of credibility of the Government contributed to trigger the rise in the yields, forcing the ECB to implement the Security Market Program and purchase italian bonds. Still yeasterday, during the conference at the G20 in Cannes, Berlusconi and Tremonti kept on claiming that in Italy there are no signs of economic crisis since restaurants, trains and resorts are full!
This is utterly misleading and unfair...so do you still believe in economic tales?

Well done Mario!!!

Last Thursday Mario Draghi in his debut as President of the ECB took an unpredictable decision by cutting the main refinancing operations interest rate by 1/4 to 1.25%. Draghi demostrated great courage even though it was a unanimous decision. Obviously, such a small rate cut is unlikely to restore confidence and boost growth in the euro area, albeit it is crucial to ease the credit market and the sovereign bond market too, expecially in an environment of slowing inflation and stable inflation expectations. Furthermore, the ECB continued to purchase (though not so effectively) Italian and Spanish bonds on the secondary market.
To sum up, despite his nationality and against all the odds of being "more German than Germans" Draghi acted decisevely to a more accomodative monetary policy.

domenica 25 settembre 2011

Wages inflation, productivity and unit labour costs

Interesting post form The Economist about the percentage change in Q2 2011 of wages, labour productivity and unit labour costs on the second quarter of 2010 in OECD countries. Broadly speaking, labour productivity grew at a slow pace whereas wages increased. As a result, unit labours costs rose about 2-3% over the last year.
Conversely, two groups of countries show different patterns. Norway and Australia faced a decline in labour productivity and a rise in wage that led to soaring unit labour costs. On the other hand, in Denmark, Netherlands and Austria productivity grew more than wages, thus unit labour costs fell about 1%.
Next, I would like to focus on Italy. Labour productivity growth turned out to be steady so the rise in unit labour costs entirely reflects the wages inflation. This is the main issue in the last decades in Italy. Indeed, tha lack of productivity growth triggers a fall in competitiveness, that is negative expecially for a country that fundamentally relies on exports. To sum up, this chart shows how Italy should do everything to improve its competitiveness and restore economic growth in order to reverse this harmful path.

Back from Summer-break (between economy & rugby)!!!

Salve a tutti, dopo una lunga pausa torno a postare un po' di commenti sulla situazione economica. Quest'estate ho fatto davvero poche vacanze,  ma ne è valsa la pena! Dopo aver chiuso gli esami a fine giugno, ho passato 3 splendide, stimoltanti e intense settimane a Londra per partecipare alla Summer School della London School of Economics, corso denominato Intermediate Macroeconomics. E' stata una grande esperienza per me studiare in questa prestigiosa università, oltre ad avere la possibilità di arricchire le mie conoscenze con argomenti che qui in Italia sono previsti negli studi post-laurea triennale.
Moltissime cose sono accadute in questi mesi, provo a fare un breve riassunto! Inizio riallacciandomi all'ultimo post, quindi con Christine Lagarde nominata Managing Director del FMI, come ampiamente prevedibile. In Europa la situazione si è deteriorata, con Italia e Spagna nell'occhio del ciclone. La crisi del debito in Europa ha avuto alcune conseguenze come le dimissioni di Jurgen Stark dal Consiglio Direttivo dell BCE, gli interventi della stessa BCE a sostegno di Italia e Spagna con l'acquisto di bond. Negli ultimi giorni anche la FED è tornata inazione, ma non con un QE, bensì con un'operazione denominata Twist! In pratica la FED vende titoli a breve per acquistare quelli a lunga scadenza così da abbassarne i rendimenti e favorire gli investimenti. Il tutto perchè come previsto i timori di inflazione si sono sgonfiati e non resta che favorire la crescita per combattere la disoccupazione. Proprio in questo FED, Bank of England e BCE hanno agito in modo diverso in questi mesi. Negli USA l'inflazione è rimasta contenuta e i tassi sono rimasti bassi, in UK anche con un'inflazione al 4.5% i tassi sono rimasti al minimo storico, al contrario la BCE abbastanza incomprensibilmente ha alzato il tasso principale al 1.75% e ora rischia di dover tornare sui suoi passi. Ovviamente un "pensiero" anche ai mercati azionari è doveroso! Bene, qui le notizie sono catastrofiche praticamente ovunque!
Questo è solo parte di ciò che è accaduto in questi mesi, purtroppo gli impegni limiteranno i miei post, che saranno molto brevi. Non resta che augurare a tutti buona lettura e come detto nel mio primo post, sono benvenuti commenti, osservazioni e sopratutto critiche!!!

Buona lettura a tutti!

Ah dimenticavo! Si sta svolgendo in Nuova Zelanda il Mondiale di Rugby, che in questi giorni entra nelle fasi decisive. Grande spettacolo, grandi partite e gli Azzurri che si giocheranno l'accesso ai quarti di finale il 2 Ottobre contro l'Irlanda!!!

venerdì 1 luglio 2011

The Financial Pub on smartphones!!!

Da oggi è attiva la versione smartphone del Financial Pub! Infatti collegandosi al blog con il proprio iphone, blackberry o qualsiasi altro smartphone, si accederà direttamente alla versione mobile, più veloce da caricare e molto immediata come visualizzazione! Vi aspetto al pub!!!

venerdì 10 giugno 2011

Krugman e l'incomprensibile BCE

Ancora un post sulla BCE e la sua voglia di stretta monetaria? Ebbene sì, perchè puntuale ieri è arrivato l'avvertimento implicito da parte di Jean-Claude Trichet che la BCE alzerà ancora i tassi d'interesse al 1.5% a Luglio. Come scrive Il Sole 24 Ore do oggi, la BCE non sembra curarsi della crisi debitoria degli Stati periferici e della ripresa stentata dell'Eurozona Germania esclusa, vedi post del 2 Giugno "La Banca Centrale Eurotedesca" .
La BCE si è anche detta contraria a qualsiasi forma di ristrutturazione del debito greco, nonostante il crollo del PIL, -5.5% nel primo trimestre 2011 rispetto al primo trimestre 2010. Nonostante questi dati, continua l'imposizione di fortissime misure di austerity e si guarda a un rialzo dei tassi. Rialzo che è poco giustificato dall'inflazione, prevista poco al massimo intorno al 2.7% nel 2011 e al 2.3% nel 2012 tenendo conto anche dei prezzi di carburanti e cibo, i più volatili e in assenza di crescita delle aspettative.
Inteso che evitare un default greco è necessario per proteggere le banche tedesche e francesi fortemente esposte (vedi post del 15 Aprile ) con il rialzo dei tassi si sta facendo molto di più. A scriverlo è Paul Krugman sul New York Times . Infatti le politiche restrittive, sia fiscali che monetarie, in un contesto di scarsa ripresa come quello in cui ci troviamo, sono politiche deflazionistiche e non solo volte a contrastare un'inflazione crescente (che crescente non è!). E' risaputo che l'inflazione porta un vantaggio per il debitore, di fatto erodendo il credito che la controparte vanta nei suoi confronti. Al contrario, una deflazione accresce il valore del credito, inguaiando ancora di più il debitore. Quello che accade in Europa come negli USA, è una tendenza ad una bassissima inflazione, anche a costo di mettere a repentaglio la ripresa, l'occupazione e la situazione debitoria di alcuni Stati.
Krugman poco comprende la logica di tutto ciò e vede una manovra di protezione dei grandi centri di interesse, i grandi investitori-creditori. Nel caso dell'Eurozona, tutto ciò si traduce in una conclusione: non solo si stanno salvando le banche esposte, ma di fatto si sta evitando anche l'erosione dei crediti da parte di una inflazione tutt'altro che eccezionale, ma che potrebbe essere il giusto e non elevato prezzo per una ripresa finora troppo debole.

giovedì 2 giugno 2011

La Banca Centrale Eurotedesca

Su Il Sole 24 Ore di oggi è pubblicata un' intervista con Jurgen Stark membro tedesco dell'esecutivo della BCE. Le sue parole riflettono la veduta corta della BCE che ignora la situazione economica di gran parte dei Paesi dell'Eurozona. Analizziamo in breve alcuni passaggi dell'intervista (in grasseto la domanda, in corsivo la risposta, commento mio):

  1. L'economia europea mostra segnali di rallentamento. Quanto preoccupanti?
    Fortunatamente la ripresa appare basarsi non solo sulle esportazioni, ma anche sulla domanda interna. Il primo trimestre è stato molto buono, anche per via di un inverno rigido e nevoso che aveva pesato sull'ultimo trimestre del 2010. Nonostante il rallentamento delle ultime settimane, il ritmo di crescita resta intatto. Non abbiamo a che fare con una frenata strutturale dell'economia, e ci aspettiamo che la ripresa continui, peraltro meno dipendente dallo stimolo fiscale o monetario. Prima critica, tutte queste considerazioni sono valide per la Germania, forse per l'Olanda, ma a stento per la Francia e sicuramente non per il resto dei membri.
  2. I prezzi al consumo sono saliti del 2,7% annuo in maggio. Due mesi fa avete aumentato il costo del denaro. E' giusta l'interpretazione secondo la quale la prossima stretta monetaria sarà in luglio? 
    Le proiezioni dello staff dell'Eurosistema pubblicate in marzo prevedono un'inflazione sopra al 2,0% in media nel 2011. Non vediamo un aumento delle aspettative di inflazione né un travaso sui salari. Ma considero che il tasso di riferimento della Bce – all'1,25% dopo l'aumento deciso in aprile – è ancora molto basso. In questo contesto economico non è appropriato che i tassi d'interesse reali a breve termine siano negativi. Ulteriori aggiustamenti dei tassi d'interesse sono in considerazione. La loro tempistica dipenderà dai dati economici e monetari. Ok, l'inflazione (comprensiva degli elementi più volatili come alimenti ed energia) è di poco sopra l'obiettivo del 2%, dati economici direi che sono deludenti in tutta la zona Euro esclusa la Germania. Allora su quale base alzare i tassi? Accettare un po' di inflazione, sopratutto in assenza di aumento delle aspettative (scongiurando la spirale prezzi-salari), può favorire ripresa e occupazione. E' un trade-off che deve essere contemplato, altrimenti si stronca una ripresa che già stenta (tranne che in Germania!!!)
  3. Tra i paesi in difficoltà c'è certamente la Grecia, oggetto di un infinito tira-e-molla con i suoi partner europei sul programma di risanamento delle finanze pubbliche. 
    La palla è nelle mani del governo e del parlamento in Grecia. Non ci sono alternative: il governo deve risanare i conti e privatizzare le tante attività di cui è proprietario. Vorrei farle notare che se il piano di privatizzazioni fosse applicato come previsto, il debito potrebbe scendere del 20% entro il 2015, e dare quindi un contributo alla sostenibilità. Su questo sono d'accordo, la Grecia deve privatizzare sia per risanare i conti sia per riformare una struttura economica inefficiente. Ma mostrando di essere consapevole di tutto questo, Stark si contraddice. Di nuovo, che senso ha una politica monetaria più restrittiva?
  4. Il consiglio direttivo continua a essere contrario a qualsiasi ristrutturazione o riscadenzamento del debito greco.
    C'è molta confusione sui mercati e nella pubblica opinione su questi temi. Noi siamo convinti che un fallimento, o qualsiasi cosa che potrebbe apparire come un fallimento, deve essere evitato. Provocherebbe infatti conseguenze spaventose sulle banche greche, sull'economia greca e poi naturalmente sugli altri paesi già oggi in difficoltà debitoria. Vero! Però Stark si dimentica che le più in pericolo sono proprio le banche tedesche e che gli altri Stati contribuiscono ai salvataggi molto di più della Germania relativamente alla loro esposizione verso Grecia Portogallo e Irlanda. Vedi: The Economist del 14 Aprilemio post del 15 Aprile e ascolta Prof. Joseph Stiglitz
    In effetti si stanno salvando le banche tedesche! 
Quello che emerge è che la politica monetaria della BCE ha effetti su tutti i Paesi dell'Eurozona, ma in realtà si basa sulla congiuntura economica tedesca e di quelle pochissime economie che riescono a mantenere ridotta la distanza dalla Germania e ignora coloro che sono in difficoltà. E' vero che il mandato principale della BCE è la stabilità dei prezzi, però non si possono ignorare bassa crescita o recessione e disoccupazione. In questo momento bisogna mettere le basi per la ripresa e l'occupazione viene prima di tutto anche a costo di un'inflazione leggermente sopra il fatidico 2% (Phillips docet). Io confido in Draghi...

martedì 31 maggio 2011

Un esempio di spesa pubblica inefficiente

Si parla tanto di austerity, di sacrifici e tagli alla spesa pubblica, ma il discorso di Draghi è stato eloquente: bisogna tagliare in modo selezionato e non indiscriminatamente, così da favorire anche la crescita. A parte il dato allucinante sulla spesa dei fondi strutturali comunitari, che ammonta appena al 15%, un piccolo esempio può far capire che le cose devono cambiare drasticamente. Con famiglie che non arrivano a fine mese e la prospettiva di un aggravarsi della situazione economica dovuta alla riduzione della spesa pubblica in una fase di stagnazione e tassi in crescita, certe iniziative lasciano davvero senza parole e con molti dubbi. Mi riferisco alla fantastica possibilità che il Ministero della Difesa dà ai giovani dai 18 ai 30 anni (e su questa definizione di giovani avrei da ridire!!!) di essere militare per 3 settimane! Tutto bellissimo, tutto istruttivo, tutto lodevole! Però improvvisamente sono assalito da molti dubbi frutto anche di un'esperienza diretta di 5 anni nelle Forze Armate:


  1. Posso capire lo scopo di far conoscere le FFAA ai giovani (anche a 30 anni???), di formare in loro un rispetto nelle Istituzioni e una disciplina che sono alla base per un buon cittadino. Il primo dubbio mi viene allora sulla serietà dell'iniziativa. Se lo scopo ultimo è quello di avvicinare i giovani al servizio dello Stato, dubito che queste 3 settimane riflettano fedelmente l'addestramento e la vita militare, altrimenti si rischierebbe una fuga di massa! Allora un "soggiorno soft" incentiverebbe l'offerta di lavoro nelle FFAA, ma sulla base di un'esperienza che non rispecchia la realtà.
  2. Il secondo dubbio è conseguenza del primo. Ammesso che in questi giovani nasca una vocazione alla vita militare, bisogna sapere che gran parte del reclutamento, a tutti i gradi, avviene con contratti a tempo determinato con poche possibilità di essere assunti a tempo indeterminato. In un ambiente dove è scarsissima la meritocrazia, cosa di cui si parla davvero pochissimo, l'effetto non sarebbe altro che creare una nuova generazione di precariato.
  3. Se i primi due dubbi posso essere anche relativi, il terzo è sicuramente cruciale. Addestrare militari per 3 settimane, come avviene per tutti i precari nelle FFAA che anche dopo 5 o più anni sono mandati a casa senza neanche TFR, ha un costo elevatissimo. L'iniziativa non prevede retribuzione (e ci mancherebbe!!!), ma il vestiario, il vitto, l'alloggio, le spese sanitarie, le spese di addestramento (ad esempio per far muovere mezzi o usare armi e munizioni) costituiscono una importante voce di spesa in un settore dove gli sprechi sono già elevatissimi! A fronte di tutto ciò, i partecipanti devono corrispondere solo una cauzione minima trattenuta in tutto o in parte se il materiale fornito non è riconsegnato integro o se il partecipante richiede di trattenerne una parte. Ma anche se fossero trattenute tutte le cauzioni, le uscite sarebbero di gran lunga maggiori delle entrate.
In un periodo difficile per i conti pubblici, magari evitare certi sprechi sarebbe opportuno. Ci sarebbero altri modi meno dispendiosi per far conoscere le FFAA ai giovani, e più in generale ci sarebbero molti modi di evitare una spesa irresponsabile.

Oops, ho dimenticato il PIL!!!

L'Italia si è prefissata un ambizioso obiettivo di bilancio che prevede la riduzione del Deficit/PIL allo 0.2% (sostanziale pareggio di bilancio) nel 2014 così da ridurre il rapporto Debito/PIL dall'attuale circa 120%. Il tutto passa attraverso una drastica riduzione della spesa pubblica e sopratutto sul recupero di enormi quantità di risorse fiscali evase. Nonostante lo scudo fiscale abbia permesso il rientro di una importate massa di capitali, la quantità è sempre risultata inferiore alle previsioni. Basare gran parte della manovra sul recupero dall'evasione fiscale può essere un errore perchè c'è il forte rischio che le attese non siano rispettate causando un ricorso a manovre di aggiustamento o al mancato raggiungimento degli obiettivi. La questione cruciale è che tagliare la spesa pubblica in questo momento, considerando anche il rialzo dei tassi d'interesse, può portare a un soffocamento dell'economia che è già stagnante. Raggiungere gli obiettivi di bilancio solo attraverso la riduzione del deficit, cioè del numeratore, è un errore gravissimo. Bisogna agire sul denominatore, cioè sul PIL, in pratica è necessario stimolare la crescita. Per fare ciò è anche necessario in Italia tagliare le tasse che opprimono imprese e famiglie!
I problemi sono principalmente due:

  1. è vero che si procede verso la riduzione del rapporto deficit/PIL, però se non si agisce sul denominatore fino al 2014 si avrà comunque un aumento del debito pubblico. Ricordo che il deficit è sostanzialmente la differenza tra entrate e uscite (compresi gli interessi sul debito) di uno Stato nel corso di un anno, mentre il Debito Pubblico è la somma dei deficit nel corso degli anni. Una domanda sorge spontanea: una volta arrivati al pareggio, cosa si farà? Se non c'è crescita sarà inutile crogiolarsi sul fatto di avere raggiunto il pareggio, si tornerà al deficit. E ricordo che gli ultimi dati OCSE segnalano una crescita media dell'Italia negli ultimi 10 anni dello 0.2%. A tal proposito consiglio di leggere Paul Krugman e seguire il suo blog.
  2. Capitolo spesa pubblica, con Keynes che si starà rivoltando nella tomba!!! Non ha senso tagliare la spesa pubblica in modo orizzontale, indiscriminato. Il vero problema è giungere a un efficientamento della spesa. Un dato impressionante lo ha fornito Draghi nelle sue Considerazioni Finali lette poco fa: «i fondi strutturali comunitari attualmente a nostra disposizione sono spesi solo per il 15%, quelli non spesi ammontano a 23 miliardi». Il dato è sconcertante, potremmo effettuare opere pubbliche strutturali, con un forte stimolo all'economia senza aumentare la spesa pubblica di 1€, senza intaccare il deficit e il debito!
Allora si possono trarre alcune conclusioni. Primo, invece di spendere malissimo e tagliare, bisognerebbe spendere molo meglio anche i fondi di provenienza comunitaria, ne sono inutilizzati l'85%!!! I conti si mettono in ordine con efficienza, ma sopratutto con RIFORME, CRESCITA e OCCUPAZIONE!!! Le riforme comprendono nuove infrastrutture, migliori servizi, liberalizzazioni, concorrenza vera e sopratutto meno tasse!
Secondo, alla luce di queste considerazioni, non capisco tutti gli elogi che si fanno al Ministro Tremonti per aver tenuto i conti in ordine. In questo caso aver tenuto i conti in ordine significa non aver peggiorato il deficit/PIL anche se il Debito/PIL si è incrementato. L'occasione persa di utilizzare i fondi comunitari è gravissima, qualche punto di crescita in più sarebbe stato oro per l'Italia! Si sarebbe potuto giungere a un miglioramento dei conti pubblici attraverso la crescita del PIL. E' come complimentarsi con uno studente perchè ha preso 18 ad un esame e non è stato bocciato, considerando che ha sfruttato malissimo l'enorme tempo per studiare! Piuttosto che elogiarlo, bisogna criticarlo, piuttosto che di bravo a Tremonti, bisogna chiedere a lui e al governo perchè non hanno voluto prendere 30 e lode! Questo rispecchia una mentalità della sopravvivenza e non quella della crescita!

mercoledì 25 maggio 2011

Joseph Stiglitz and the Bailout of the lenders

A conferma di quanto scritto nel post sui bailout del 29 marzo in cui criticavo le lamentele dei cittadini tedeschi per gli aiuti concessi a Grecia, Irlanda e Portogallo, il Premio Nobel per l'Economia 2001 Prof. Joseph Stiglitz sostiene al European Zeitgeist 2011 Economic Forum che in realtà salvare questi Paesi vuol dire salvare le banche tedesche. Sopratutto Stiglitz sottolinea come tutto ciò non è fatto per pura solidarietà, perchè i tassi a cui si indebita la Germania sono molto più bassi di quelli a cui sono prestati i fondi ai tre Stati. 
Vorrei aggiungere che si potrebbe contestare il fatto che il maggior tasso d'interesse costituisca il premio al rischio associato al prestito. Se però si considera la forte opposizione dell'eurozona anche ad una "semplice" e moderata ristrutturazione del debito di queste nazioni, allora vuol dire che la Germania esclude il rischio dal prestito ed è sicura della restituzione di tutti gli aiuti. Ecco allora che un' operazione senza rischio può fruttare sia il salvataggio delle banche tedesche che un vantaggioso ritorno nelle casse del governo federale.
Per vedere l'intero forum cliccare qui.

martedì 17 maggio 2011

Preoccupazioni britanniche

Un post veloce sull' Ecofin concluso poco fa, in cui si è raggiunto un accordo sulle regole da applicare allo short selling e ai credit default swap e si è discusso sui poteri da attribuire all'Esma, la nuova autorità di vigilanza sui mercati della UE. Sembra che sui poteri dell'Esma abbia espresso grandi preoccupazioni il Regno Unito.
La ragione va cercata nella City: il Regno Unito non è favorevole a tutta questa regolamentazione perchè ha già subito pressioni dalle grandi banche che minacciano di andare via dalla City, vedi ciò che è successo con i bonus.
Allora il problema non è tanto regolamentare di più, che può essere un errore, ma regolamentare meglio, cioè con più "qualità" e in modo più omogeneo, inglobando più Paesi possibili. Altrimenti ci saranno sempre "rifugi" che danno un grande potere alle banche, non tanto perchè intenzionate veramente a spostarsi, ma perchè hanno la possibilità di minacciare una fuga.

venerdì 15 aprile 2011

Bail-out: la sorpresa che non t'aspetti

A conferma di quanto detto nel post del 29 marzo http://thefinancialpub.blogspot.com/2011/03/questi-incontentabili-tedeschi.html su The Economist di ieri http://www.economist.com/node/18560535 è stato pubblicato un articolo sul vero motivo per salvare Grecia Irlanda e Portogallo, cioè preservare le banche e gli investitori tedeschi pesantemente esposti verso questi Stati. Il grafico mostra l'esposizione di vari Paesi con il relativo contributo ai vari fondi di bail-out predisposti dall'UE e FMI.



Si può fare un piccolo esercizio valutando il "contribution ratio CR" dei vari Paesi, cioè il rapporto tra contributo ai fondi ed esposizione verso i Paesi CR=contribution/exposure:
  • la Germania ha un CR di circa il 21%, cioè per 1€ di esposizione la Germania contribuisce con circa 21 cents.
  • la Gran Bretagna ha un CR circa del 5%, bisogna però considerare che non fa parte dell'area euro
  • la Francia ha un CR circa del 27%
  • gli Stati Uniti presentano un CR del 13% circa, partecipando solo tramite il FMI
  • la Spagna ha un CR del 27% ma con bassa esposizione
  • l'Italia con un CR del 112%
  • il resto d'Europa ha un CR di circa il 50%
Beh, se è chiara la situazione della Germania, che contribuisce sostanzialmente meno di tutti gli altri membri dell'area Euro, quello che sorprende è proprio l'Italia. Siamo poco esposti grazie a un'attenta attività delle banche e istituzioni finanziarie, quindi siamo abbastanza al sicuro da effetti diretti di eventuali default o ristrutturazioni del debito (sarebbero da valutare gli impatti di effetti secondari). Ma ciò che va evidenziato è che l'Italia è l'unico Stato che contribuisce ai fondi più di quanto è esposto! Allora si possono trarre due conclusioni: primo, non ci sono motivi per la Germania di lamentarsi di questi salvataggi, anche perchè c'è chi paga molto di più. Secondo, si discute tanto di effetti sull'eurozona di questa situazione dimenticandosi che sono questi tre Paesi ad essere in difficoltà e subirebbero gli effetti più pesanti di un peggioramento della situazione.

lunedì 4 aprile 2011

Che stress questi test!

Ed eccoci, a meno di un anno dagli stress test sulle banche europee dello scorso giugno, si torna a parlare e a preoccuparsi della capacità delle banche di resistere a situazioni sfavorevoli. Dopo l'esercizio più che altro formale effettuato per dare fiducia ai mercati, quest'anno le cose sembrano essere molto più severe. Ricordiamo che dopo pochi mesi dal brillante superamento degli stress test, il governo irlandese è stato costretto a salvare gran parte del sistema bancario. Quest'anno sono emerse tutte le buone intenzioni e in esaltazione alla trasparenza, sono stati resi noti gli scenari utilizzati per il calcolo del test, più severi dei precedenti. Addirittura l'Irlanda già ha reso noti i risultati evidenziando la necessità di altri 24 miliardi di euro da iniettare nel sistema bancario, mentre per gli altri istituti bisognerà attendere il mese di giugno. Intanto le banche, soprattutto in Italia, soffrono in borsa per il timore di dover ricorrere alle ricapitalizzazioni per raggiungere il prima possibile i parametri imposti da Basilea3, come accaduto a UBI Banca che ha già annunciato l'aumento di capitale. In attesa dei risultati, il focus della discussione si sposta sulla trasparenza e sulla comunicazione dei parametri adottati. C'è chi sostiene la necessità di trasparenza e chi invece sostiene il contrario. E' proprio quanto ha sostenuto il prof. Donato Masciandaro a radio24 venerdì scorso, secondo cui gli scenari utilizzati nei test dovrebbero restare segreti altrimenti rappresentano un modo per le autorità di vigilanza di deresponsabilizzarsi. Inoltre sostiene che questo causa il ribasso dei titoli bancari in borsa e quindi non apportano alcun beneficio. Anzi gli Stati saranno così costretti a salvare banche in situazioni ancora più complicate. Ma allora perchè rendere tutto pubblico?
Ora vorrei fare una piccola provocazione: gli Stati avrebbero un certo interesse a far diffondere una sorta di "bad sentiment". Se devono salvare le banche entrando nel loro capitale, beh perchè non fare in modo di entrarci "a sconto"? In una difficile sostenibilià del debito pubblico potrebbe convenire! Ovviamente la mia è una provocazione, ma bisogna effettivamente riflettere sulla comunicazione da parte delle autorità di vigilanza fermo restando che prevedere o cercare di manipolare il mood degli investitori non è semplice, anzi è meglio non farci affidamento.

martedì 29 marzo 2011

Questi incontentabili tedeschi

Negli ultimi giorni è tornato alla ribalta l'allarme debito sovrano e il Portogallo è in bilico tra austerity e aiuti da parte dell'eurozona. E così tornano i mugugni tedeschi, contrari a "salvare" Stati che non sono stati capaci di portare avanti una politica economica responsabile. Ciliegina sulla torta, le elezioni amministrative in Germania che hanno visto una pesante sconfitta per la Merkel a favore dei Verdi. Ecco, questo è il primo punto di discussione, perchè molti attribuiscono questa sconfitta al malumore dei cittadini per gli aiuti interanzionali. Ma un ruolo predominante lo ha giocato l'emotività causata dalla tragedia giapponese e l'idea che è necessario svoltare subito verso le energie rinnovabili. La Merkel ha provato a salvarsi in calcio d'angolo, chiudendo le centrali più vecchie e annunciando stress test per tutte quelle in funzione, ma non è bastato. Si potrebbe ora aprire un discorso sul futuro incerto dell'energia in Germania, perchè incontrare una forte resistenza al nucleare potrebbe comportare alti costi. Quindi anche se in gran parte la questione nucleare ha determinato il voto tedesco, un ruolo lo ha giocato la situazione europea. I cittadini si sono stancati di dover soccorrere la periferia europea senza capire a fondo ciò che sta accadendo. La Germania trae due vantaggi: primo, i finanziamenti non sono concessi per pura solidarietà, ma permettono di portare a casa un rendimento medio superiore al 5%. Considerando che lo stato tedesco si indebita emettendo titoli di stato al massimo al 3.83% (per i bond a 30 anni!), di certo un buon guadagno lo porta a casa. Secondo, aiutare i paesi periferici è necessario per proteggere le banche tedesche pesantemente esposte verso questi stati. Quindi salvare Grecia, Portogallo, Irlanda permette di fatto di salvare le banche tedesche. Un eventuale default di questi stati avrebbe forti ripercussioni sul sistema bancario tedesco, europeo e sull'Euro stesso. Questo sembra che i tedeschi non riescano a capirlo, sperando che gli stress test evidenzino anche gli aspetti nascosti della situazione delle banche.
Quindi cari tedeschi, siate contenti del vostro Stato, il più forte a livello industriale in Europa, che riesce a ottenere rendimenti preservando il suo sistema bancario.

venerdì 4 febbraio 2011

Econorugby: il 6 Nazioni 2011 si gioca anche in economia!

In questo weekend finalemente prende il via il 6 Nazioni 2011! Primo incontro Galles-Inghilterra mentre domani esordirà l'Italia contro l'Irlanda e a seguire si giocherà Francia-Scozia. Un torneo che vede favoriti i campioni in carica della Francia e l'Inghilterra, come outsider Irlanda e Galles con Scozia e Italia come sempre a lottare per evitare l'umiliante "cucchiaio di legno".
Ma le nazioni protagoniste dell'affascinante torneo sono anche protagoniste dello scenario economico europeo.
Proviamo, allora, a giocare il torneo sul campo dell'economia! Innanzitutto bisogna considerare che Inghilterra Scozia e Galles costituiscono un'unica economia, quella UK. In realtà giochiamo un 4 Nazioni con protagoniste UK Francia Irlanda e Italia. Beh, se sia sul campo che in economia la Francia risulta primeggiare, le cose cambiano per gli altri partecipanti.
L'UK sul campo è una delle favorite con Inghilterra e Galles in prima linea. Ma sul lato economico, qualcosa sembra non andare. Alta disoccupazione, elevato debito pubblico, banche salvate dal governo, inflazione sopra il 3% dove il target della Bank of England è lo stesso della BCE al 2%, un forte piano di austerity con tagli alla spesa pubblica e non ultimo un forte contrasto tra banche d'affari e governo sulla regolamentazione bancaria e i pagamenti dei bonus ai banchieri.
L'Irlanda si trova a fronteggiare una durissima crisi seguente allo scoppio della bolla immobiliare e il seguente salvataggio delle banche da parte dello stato. Risultato: deficit e debito pubblici volati a livelli insostenibili che hanno costretto il governo ad accettare gli aiuti combinati UE-FMI. La situazione è molto difficile, cresce la disoccupazione, a marzo si tornerà alle urne e molti economisti prefigurano una ristrutturazione del debito nonostante gli aiuti.
Infine l'Italia, che soffre un elevato debito pubblico ma trae forza da un contenuto debito privato, un sistema bancario solidissimo che anche all'apice della crisi non ha avuto bisogno di aiuti statali. Punto debole è la crescita, ferma da troppo tempo, la mancanza di riforme strutturali che aumentino la produttività e non meno importante la crisi politica che rischia di fossilizzare l'economia del paese.
Quello che emerge è che le capacità sul campo potrebbero risultare rovesciate in economia, sopratutto per l'Italia che avrebbe la possibilità di contendersi la vittoria con Francia e UK! L'Irlanda sprofonderebbe rischiando il "wooden spoon" e nemmeno il miglior Brian O' Driscoll potrebbe evitarlo, anche se lo spirito irlandese può essere più forte di tante difficoltà. Di sicuro neanche le peggiori condizioni economiche potrebbero fermare l'inflazionistico consumo di birra da parte dei tifosi irish. D'altronde nello spirito del rugby una pinta di Guinness è un fondamento istituzionale!
E allora da italiani tifosi degli Azzurri, ci auguriamo che l'Italia sul campo rifletta gli aspetti positvi della sua economia ma che alla fine la situazione economica migliori in tutta europa, che sportivamente si può tradurre con l'augurio di vedere tanto bel gioco in campo e tanta festa sugli spalti ma che alla fine vinca l'Italia!!!

Forza Azzurri e Buon 6 Nazioni a tutti!!!

giovedì 13 gennaio 2011

A voi la scelta sui bonus!!!

Negli ultimi giorni si è infiammato il dibattito nella City per il pagamento dei bonus ai banchieri che ammonterebbe a circa 7 miliardi di pounds per il 2010. Il governo Cameron nulla ha potuto contro la minaccia avanzata dal ceo di Barclays Bob Diamond, in veste di rappresentante dei banchieri dinanzi alla Commissione Tesoro della Camera dei Comuni, secondo cui le grandi banche potrebbero abbandonare Liverpool Street, Bank e la City tutta in caso di regole più stringenti. In cambio, secondo il Sunday Telegraph, il governo si sarebbe accordato con le banche per riaprire i rubinetti del credito. C'è chi vede il ritorno ai superbonus come una minaccia di moral hazard, un rischio di nuove bolle e nuove crisi che dalla finanza invadono l'economia reale. C'è anche chi è d'accordo ma con moderazione ai bonus vedendo con favore diluizioni nel corso degli anni e pagamenti in azioni. Una regolamentazione troppo stretta potrebbe non avere alcun effetto se non creare distorsioni, una totale mancanza di regole potrebbe portare a una nuova crisi.
Dite anche voi la vostra su questo argomento, votate nel sondaggio e lasciate un commento!!!!